[1572-1576] The Lizard of Death (+ corti)

30 agosto 2013 11:40 — GNN

Festival dei cortometraggi, oggi, in collaborazione con Godzilla-Italia. Il solito **Mr.DooM**, setacciando i più bui meandri della rete, ha scovato cinque perle con in comune la volontà di rendere omaggio ai kaiju movie ed ai B-Movie anni ’50, oggetto della collaborazione che da anni unisce i nostri gruppi.

Si inizia con The Lizard of Death. Se avete visto Gazorra, sappiate che in confronto a questo il corto di Buttgereit è Pacific Rim. Scritto e diretto da Benjamin J. Heckendorn, accreditato come Alexander B. Kressel, è un mediometraggio indipendente che emula i film fantascientifici low-budget degli anni Cinquanta. Le riprese si sono svolte a Port Washington, Wisconsin, tra il maggio e il dicembre del 2000. Girato in bianco e nero con una videocamera DV e montato con Adobe Premiere, è stato mostrato in anteprima a Madison, capitale dello stato del Wisconsin, durante il Wisconsin Film Festival del 2001.

A seguire Attack of the Giant Killer Cicadas. Girato nel 2008 dal direttore della fotografia Jeff Barklage con una macchina da presa digitale Red One, riprendendo cicale vive che si muovono su set in miniatura e fondali fotografici, è un finto trailer per un film, omaggio a tutti quelli sugli insetti giganti che attaccano l’umanità, che non esiste: l’autore è infatti ancora alla ricerca di fondi per completarlo.

Abbiamo poi Godz***A contro i Paesi Bassi, short film realizzato nel 1999 dall’artista visiva olandese Sietske Tjallingii, in arte Miss T, e premiato come miglior cortometraggio al Dahlonega International Film Festival (DIFF) del 2001, “omaggio ai vecchi film di Godzilla e celebrazione degli effetti speciali fatti in casa con colla e nastro adesivo”, come dichiarato dalla stessa regista.

Omaggio ai kaiju è anche Gualagon, ideato nel 2008 dal regista indipendente Ralf Lorenz (sceneggiatura) e dal fonico Marko Peter Bachmann (co-regista), che lo hanno prodotto insieme all’attore e radiodrammaturgo Konrad Halver (co-regista) e Sven Pyczak. Nelle intenzioni degli autori doveva trattarsi di un radiodramma in lingua tedesca della durata di 80 minuti, che non ha mai visto la luce, tra l’altro, per l’improvvisa scomparsa di Halver nel 2012. Tutto ciò che resta ad oggi è un trailer audiovisivo di alto impatto per la cui realizzazione il team produttivo, The Gualagon Team, si avvalse del talento dell’artista Matthias Lemcke, autore non soltanto della colonna sonora, ma anche delle illustrazioni e dell’elaborazione grafica del filmato.

Last but not least, It Came from Beyond the Mountain. Diretto da Douglas Bankston in perfetto stile B-Movie anni ’50, ha richiesto tre anni e mezzo di lavoro, ma il risultato è sorprendente vista l’assoluta povertà di mezzi coi quali è stato realizzato. L’originale corto, a mio modesto parere di gran lunga il migliore tra quelli che oggi vi presentiamo, ha fatto parte della selezione ufficiale in concorso all’Hollywood Horror, Sci-fi & Fantasy Festival del 2006.

E voi, non fate come Warsteiner! Che le proiezioni abbiano inizio!

DOWNLOAD

Con l’occasione informiamo il nostro pubblico che Gorath, di Ishiro Honda, parte del nostro progetto di sottotitolazione, verrà edito dalla Golem Video e distribuito da settembre dalla Terminal Video. Come da nostra politica, abbiamo quindi disattivato i link a download diretto e torrent per sostituirli con quelli ai siti dove poter prenotare, a un prezzo decisamente conveniente, il DVD con il film finalmente doppiato in italiano. Approfittatene!


Leave a Reply

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>