[2163] Notte Horror BBF S5: Last Shift

15 febbraio 2017 18:19 — Vaz

Jessica Loren è un’agente di polizia fresca di accademia, che ha deciso di seguire le orme del padre, morto in servizio. Il suo primo incarico consiste nel fare il turno di notte, l’ultimo, di un posto di polizia che il giorno seguente chiuderà i battenti causa trasloco. Sembra un’assegnazione di tutto riposo, ma Jessica non sa che quella sarà una notte da incubo…

La Notte Horror di oggi vi presenta Last Shift, un film che mena duro. Se non siete abituati ai jumpscare girate alla larga, perché la sorprendente pellicola di Anthony DiBiasi, nonostante il budget risicatissimo e un’unica location utilizzata, vi prenderà per la gola e non vi mollerà per l’ora e mezza successiva. Se siete temerari e volete arrischiarvi, allora… buona visione!

DOWNLOAD


[2162] Phantom of the Kill: Zero’s Rebellion

13 febbraio 2017 17:31 — Vaz

Oggi vi presentiamo Phantom of the Kill: Zero’s Rebellion, un OAV prequel dell’omonimo RPG strategico, realizzato dalla Production I.G. Buona visione!

DOWNLOAD


[2161] Invasion of Alien Bikini

1 febbraio 2017 11:01 — Vaz

cineclub

(con FilmBrutti)

Il Cineclub quest’oggi vira sul weird, e vi propone uno strano film coreano, tradotto a quattro mani insieme al benemerito davidedantonio1, che l’ha scovato e me l’ha proposto. Invasion of Alien Bikini è un titolo un po’ fuorviante, perché l’invasione non c’è, in quanto l’aliena è una sola, e non è nemmeno in bikini, ma in normale biancheria intima. Detto questo, riassumo brevemente la trama: Young Gun è un giustiziere sfigato che si aggira di notte con un travestimento frutto dell’incrocio tra Super Mario e Capitan Ventosa. In un giro di ronda salva una ragazza da tre malintenzionati, salvo poi scoprire che non si tratta di una donna come tutte le altre. Seguiranno scene piuttosto bizzarre come quella immortalata nel secondo screen, in cui Young Gun canta l’inno nazionale coreano mentre viene sodomizzato con un piumino.
Nota tecnica: siamo stati costretti a ripiegare sulla versione DVD perché l’unico rip da blu-ray ha degli evidenti problemi in alcune scene. Buona visione!

DOWNLOAD


[2160] Kizuoibito OAV 01

30 gennaio 2017 21:22 — GNN

Come sarebbe un action movie girato negli anni ’80 in America Latina, con Sylvester Stallone circondato da belle fighe, oro, soldi, avvoltoi e tagliagole, in cui l’ignoranza non si risparmia e i cliché non si contano?
Così.
Ecco il primo di cinque episodi dell’ormai 31enne serie OAV di Kizuoibito, titolo noto in Italia grazie all’importazione del manga nel 2011 da parte di Panini Comics, che lo propose col titolo internazionale “White Haired Devil”.
Buona visione e, se vi piace il genere, andate a recuperare Sanctuary, dello stesso autore.

– mindphone

I BBF si dissociano e non avallano in alcun modo i contenuti dell’anime che state per vedere. In particolar modo, stuprare una bella ragazza NON È ASSOLUTAMENTE il modo giusto di farla innamorare di voi, oltre a essere un ignobile reato.


DOWNLOAD


[2156-2159] Hyakka Ryouran: Samurai After

26 gennaio 2017 21:59 — GNN

Allegato al secondo volume degli art works di Niθ, character designer della serie (e di Blassreiter, tra le altre) c’era un bluray che non potevamo esimerci dal proporvi, per pura completezza.
E la completezza è davvero l’unica cosa “pura” di questa release, composta da due OAV in cui vengono raccontati, con tanto fanservice quanta assurdità di trama, gli eventi successivi alla conclusione di Samurai Bride, introducendo, tanto per non farci mancare niente, un bel personaggio yuri, la fidanzata di Keiji, l’abile arciera Kagekatsu Uesugi.
Gli OAV sono capolavori di sceneggiatura e animazione in confronto ai due mini episodi di contorno, dove lo spettatore è, in soggettiva, il marito porcellone della stessa Kagekatsu prima e di Sen poi. Aspettatevi scene di insaponamento nella doccia, spalmamento crema solare e persino una missionaria, in un prodotto che è quasi più parente di certa editoria video che di un anime.


DOWNLOAD


Finito di vedere Akuryo Byoto? Volete fare una pausa? Allora abbiamo quello che fa per voi: tre cortometraggi che inaugurano la sezione dedicata, appunto, ai corti, dove raccoglieremo gli anime non seriali della durata inferiore ai 20 minuti. Vediamoli nel dettaglio.

Chiryokumaru: realizzato dallo Studio 4°C, è semplicemente una scena d’azione di un tizio che mena un mostro enorme.

Picotopia: se ne capite il senso fateci sapere. Mindphone ed io sospettiamo sia un test sull’epilessia (a proposito, se ne soffrite NON GUARDATELO).

Right Places – Where I Was Meant to Be at That Time: questo non è un anime in senso stretto, in quanto è stato realizzato dal polacco Mateusz “Matto” Urbanowicz, grazie al quale si è laureato con lode all’Università del Design di Kobe. Se il chara design è così così (a me ricorda il caro vecchio Boobalicious, peraltro), i fondali sono assolutamente fantastici, degni di un film di Makoto Shinkai, che difatti l’ha prontamente assunto: gli sfondi dell’acclamato Your name sono suoi.

Buona visione!

DOWNLOAD