[2034] La maledizione di Kazuo Umezu

7 marzo 2016 00:50 — Vaz

Ogni tanto, come a tutti i gruppi, ci giungono richieste di subbare questo o quell’altro anime. Di solito si tratta di roba che non ci piace, o di cui non esistono sottotitoli di partenza con cui lavorare, a volte però ti arriva quella segnalazione che solletica la tua curiosità e ti spinge a prendere in mano un’opera rimasta ignorata da altri per anni. È il caso di La maledizione di Kazuo Umezu (Umezu Kazuo no Noroi), OAV horror del 1990 segnalatoci lo scorso 23 dicembre dall’utente Gioele, che ringrazio.
Kazuo Umezu (detto Umezz o Kazz) è un mangaka un po’ particolare, si veste sempre come il celebre Wally, è specializzato in opere morbose e inquietanti ed è noto, più che altro, per avere avuto come assistente un’allora sconosciuta Rumiko Takahashi.
Dalle sue storie è stato tratto un solo OAV animato (in cui fa un cameo e che introduce e chiude alla maniera dell’ineffabile Criswell di Plan 9 from Outer Space), che è quello che vi presentiamo oggi e che è diviso in due parti.
Cosa svelerà la telecamera? è la vicenda di Masami, convinta che la sua nuova compagna di classe sia una vampira. Indagini più approfondite porteranno a una verità sconcertante.
La casa stregata è quella che Miko e le sue amiche vanno a visitare nottetempo in cerca di facili emozioni. Inutile dire che avrebbero fatto meglio a restare a casa a farsi gli affari propri…
Concludiamo con una curiosità: uno dei due supervisori all’animazione (praticamente inesistente) è nientemeno che Shingo Araki. Buona visione!

kazuo_screen1

kazuo_screen2

DOWNLOAD


2 Responses to “[2034] La maledizione di Kazuo Umezu”

  1. davidedantonio1

    fanno sempre piacere questi belli oav horror di una volta, grazie

  2. Akira82

    Grazie mille per questa perla horror! Spero che la Hikari pubblichi al più presto i manga di questo geniale autore.

Leave a Reply

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>